Tommaso Sasso

Tommaso Sasso

studente, è presidente del Movimento Giovanile della Sinistra.

Coraggio

Ragionare di “coraggio” al tempo della paura è senza dubbio suggestivo. Ma rischioso. Da tempo, il coraggio è comunemente inteso nella sua accezione individualistica di compimento di un gesto, o di un’impresa, fuori dal comune. A essere più esatti, il coraggio è venuto identificando­si con temerarie iniziative volontaristiche protese al cambiamento. Un cambiamento di segno neutro, “purchessia”, che troppo spesso nasconde l’angoscia di dover far fronte a problemi inediti, e che finisce dunque nella riproposizione, opportunamente spettacolarizzata, del già vissuto.

Per una sinistra che torni a battersi

La difficoltà dell’opposizione a reagire alla sconfitta ha cause profonde. Chi voglia discutere di come sia opportuno rapportarsi al nuovo governo può essere aiutato da alcune considerazioni di contesto. Utile sarà indagare dove origini quella difficoltà, così come lo sarà tracciare una possibile rotta per chi, dovendo fare opposizione, deve scegliere come farla.
L’Italia attraversa una fase inedita della storia repubblicana, in cui inedito è anche il contesto internazionale ed europeo. Vaste aree del pianeta, alcune prossime alle nostre coste, pagano l’incapacità dei vincitori della lunga contrapposizione tra Est e Ovest di definire un nuovo equilibrio nei rapporti internazionali.