Controrivoluzione

Di Alessandro Campi Giovedì 26 Ottobre 2017 16:42 Stampa

La Rivoluzione francese non è stato un episodio tra gli altri della storia universale, cruento e tragico come spesso se ne registrano negli annali. Ma l’evento – frutto di un profondo e lungo scavo sul piano delle idee e della mentalità collettiva più che di un’esplosione improvvisa di violenza popolare – che ne ha cambiato drasticamente il corso. Essa non ha determinato soltanto la fine di una monarchia secolare o l’avvicendamento al vertice della piramide sociale del ceto aristocratico-feudale con quello borghese-mercantile, ma l’avvento di un nuovo principio di legittimazione del potere, di un nuovo modello di sovranità politica, svincolati da qualunque riferimento sacrale e trascendente; ne è derivato un ordine artificiale e profano che ha scalzato quello naturale edificato nei secoli nel rispetto dei dettami della Scrittura e dell’autorità della Chiesa. Tutto ciò non configura solo un cambiamento radicale negli equilibri sociali e nelle istituzioni, ma un’autentica catastrofe culturale che rischia di condurre al dissolvimento la civiltà europea e mondiale.
È a partire da un simile giudizio storico, intransigente e dogmatico, non privo di accenti apocalittici e di furori misticheggianti, che all’indomani della decapitazione di Luigi XVI comincia a svilupparsi, negli ambienti della nobiltà francese costretta all’esilio dall’estremismo giacobino, la corrente del pensiero cosiddetto “controrivoluzionario”.


Puoi acquistare la rivista nelle edicole delle principali città oppure online e riceverla direttamente a casa. E' possibile, inoltre, sottoscrivere un abbonamento annuale.

Articoli correlati (da tag)