Il ritiro della missione ISAF e le prospettive di stabilità in Afghanistan

Di Caroline Wadhams Venerdì 17 Gennaio 2014 18:03 Stampa

Dopo dodici anni di impegno in Afghanistan, le forze internazionali di sicurezza stanno per concludere la loro missione. La stabilità del
paese comincerà pertanto a dipendere da fattori diversi da quello militare. In primo luogo, dall’ordinato svolgersi del processo di transizione politica, che culminerà nelle elezioni presidenziali e provinciali del prossimo anno; ma anche dalla generosità dei finanziamenti stranieri alla debole economia afgana e dalle possibili ingerenze dei paesi vicini, Pakistan soprattutto. Allo stato attuale è difficile dire, anche alla luce delle variabili sopra descritte, se quanto fatto in questi anni sia suffi ciente a garantire un futuro di pace e stabilità al popolo afgano.

La rivista è disponibile nelle edicole delle principali città, oppure è possibile sottoscrivere un abbonamento, qui tutte le informazioni.

Acquista la rivista

Abbonati alla rivista

Su iPad e Kindle