La democrazia senza tempo dei beni comuni

Di Luca Nivarra Lunedì 12 Marzo 2012 17:14 Stampa

Due valori animano, più o meno chiaramente e consapevolmente, il concetto di “bene comune”, in opposizione a quelli che stanno alla base del pensiero liberista: il primato del valore d’uso sul valore di scambio e la democrazia. Due idee folli? Così sembrerebbe, se non fosse che, nella situazione attuale, si configurano come gli unici possibili “antidoti” al dilagare incontrollato del capitalismo e dell’avvilente antropologia liberista ad esso correlata.

La rivista è disponibile nelle edicole e nelle librerie delle principali città, oppure è possibile sottoscrivere un abbonamento, qui tutte le informazioni.

Acquista la rivista

Abbonati alla rivista

Su iPad e Kindle