acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

Articoli disponibili online per il numero 6/2011

Di Italianieuropei Mercoledì 22 Giugno 2011 12:33 Stampa
Articoli disponibili online per il numero 6/2011 Illustrazione di Guilherme Kramer

Del numero 6/2011 di Italianieuropei sono disponibili online, assieme all'editoriale, gli articoli di Carlo Donolo, Sara Bentivegna, Antonio Menniti Ippolito, Luca De Benedictis, Susanna Camusso e Gaetano Savatteri.

“Eppur si muove”. Comincia così l’editoriale del nuovo numero di Italianieuropei che dedica la sua prima rubrica al tema dell’immobilismo della società italiana e del tentativo di superarlo da parte dei movimenti che hanno caratterizzato questa stagione politica: dagli studenti e dai ricercatori delle università contro la riforma del ministro Gelmini, alle donne scese in piazza lo scorso 13 febbraio, ai lavoratori precari, al movimento referendario. Un segnale di vitalità espresso anche nelle ultime elezioni amministrative.

“E’ il risveglio di chi finora non aveva fatto sentire la sua voce, che non si è sentito ascoltato e rappresentato dalla politica ufficiale e che quindi ha deciso di prendersela da sé, la parola”, si legge nell’editoriale, che sottolinea come siano stati utilizzati spazi nuovi, virtuali, i social network e tutti i canali della rete. “Se è vero che  la società che abbiamo di fronte è sempre più disgregata – conclude l’editoriale di Italianieuropei – è anche vero che da più parti emergono con chiarezza un bisogno profondo di solidarietà e l’esigenza di progettare azioni e interventi non in termini di strategia politica di breve termine ma di lunga durata. Comincia a soffiare un vento nuovo. Bene, lo stavamo aspettando.”

La rivista, che prosegue con un approfondimento su “L’Italia dopo la crisi”, ospita contributi di Franco Cassano, Paolo Ferrero e Susanna Camusso.