acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

"Montesquieu dimezzato" nel numero 1/2011

Di Italianieuropei Lunedì 31 Gennaio 2011 20:32 Stampa

Assistiamo, nel dibattito politico italiano, a una deriva populista e plebiscitaria alimentata dalla crisi di rappresentanza dei partiti, dall’allontanamento dei cittadini dalla sfera pubblica, dalla spettacolarizzazione del confronto politico. Si distorcono così gli equilibri dell’assetto istituzionale del paese, si alterano i rapporti tra un governo che diviene prevaricatore e un Parlamento che viene esautorato delle sue funzioni ed è oggi “l’organo costituzionale più mortificato della Repubblica”. Pur tra tante difficoltà, gli organi di garanzia costituzionale continuano invece a funzionare. Ed è grazie a loro che il nostro Montesquieu è ancora solo “dimezzato” e l’Italia può ancora collocarsi fra le democrazie liberali.

La politica, europea e italiana, che guarda a oriente tende a concentrarsi sulla Cina, spesso, erroneamente, tralasciando di considerare la ricchezza di opportunità che offrono l’India e il suo vigoroso sviluppo economico. Crediamo quindi sia utile ripercorrere i tratti della fitta rete di relazioni che ci legano all’India e avviarci lungo un percorso di conoscenza attraverso le tante luci del progresso sociale ed economico del paese asiatico, ma anche attraverso la complessità delle sue contraddizioni.

Vai al sommario del numero 1/2011

 

Per questo numero sono disponibili online articoli di: Cesare Pinelli, Luciano Violante, Antonio Ingroia, Massimo Giannini e Sandro Gozi.