acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

Il partito politico e il bisogno di mediazione

Di Claudio Bazzocchi Martedì 03 Settembre 2013 11:37 Stampa

Con il passaggio alla seconda Repubblica, il capitalismo dell’ipermodernità consumista si è affermato come cultura egemone, nel nostro paese come in gran parte dell’Occidente, imponendosi sulle grandi narrazioni politiche del movimento operaio e della tradizione politica socialista e comunista. Questo processo di progressiva secolarizzazione della società, l’ubriacatura consumista e l’affermarsi di un immaginario collettivo che stigmatizza ogni mediazione hanno sottratto prestigio alla politica e delegittimato il partito, soggetto principe della funzione di mediazione. E tuttavia, la crisi economica, strutturale e di sistema che stiamo vivendo restituisce ora centralità a questa funzione e al partito politico, l’unico soggetto in grado di esercitarla compiutamente.

La rivista è disponibile nelle edicole delle principali città, oppure è possibile sottoscrivere un abbonamento, qui tutte le informazioni.