acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol
Visualizza articoli per tag: migrazioni

Cambiamenti climatici, conflitti e migrazioni nel bacino del Nilo

I tassi di crescita a due cifre delle economie di diversi paesi africani e le opportunità offerte dai loro mercati hanno generato negli ultimi anni una nuova ventata di “afro-ottimismo”. Nonostante ciò, le tradizionali visioni apocalittiche legate a carestie, epidemie e conflitti continuano a influenzare l’immaginario collettivo sull’Africa. Il tema dei cambiamenti climatici e delle loro conseguenze in termini di siccità, alluvioni, conflitti per l’accesso a risorse sempre più scarse e moltitudini di profughi ambientali in fuga da calamità naturali contribuisce ad alimentare tale immaginario. Occorre però problematizzare questa lettura perché i conflitti e le migrazioni legate alle risorse e ai cambiamenti climatici non sono fenomeni meramente ambientali, quanto piuttosto questioni squisitamente politiche, generate dall’interazione tra natura e società, sempre più mediata dalla tecnologia e dai capitali.

All’origine delle migrazioni

Per gestire il problema migratorio occorre comprenderlo a fondo in tutti i suoi molteplici aspetti e quindi soffermarsi non solo sulle politiche europee di accoglienza e integrazione, ma anche sulle condizioni economiche, sociali e politiche in cui versano i paesi di origine dei flussi e quelli di transito. Scopriamo così che mentre noi focalizziamo la nostra attenzione unicamente su ciò che avviene nel Mediterraneo e ai nostri confini, la soluzione del problema andrebbe cercata al di là di quanto accade in questo specchio d’acqua: da un lato, nella pacificazione della Siria; dall’altro, avviando un percorso di sviluppo socioeconomico e per la risoluzione dei conflitti in Africa.

Il vicinato dell’Europa si allarga: il Corno d’Africa, la Penisola Arabica e il Mar Rosso

Le politiche e la sicurezza del Corno d’Africa sono oggi più che mai intrecciate con quelle della Penisola Arabica e danno vita, nei fatti, alle dinamiche del Mar Rosso, un’area geopolitica interdipendente. Per poter giocare un ruolo di primo piano in questa regione, l’Unione europea deve ora tessere relazioni più intense con i paesi del Golfo. Si tratta di un’area geografica che non è mai stata tanto importante come oggi per l’Europa, particolarmente da quando il confinante Nord Africa lotta per riprendersi dalle conseguenze delle rivoluzioni arabe e la vicina Libia rimane in piena crisi. Senza la dovuta attenzione, questa regione rischia di trasformarsi in un ulteriore polo di instabilità, rendendo l’Europa ancora più esposta alle minacce del radicalismo religioso, del terrorismo, dell’insicurezza marittima, dei traffici illegali, oltre che a ulteriori flussi migratori.

Il leone etiopico nella regione in fiamme

Fondamentale crocevia commerciale, l’Etiopia ha rappresentato per anni un teatro di crisi, conflitti, guerre e calamità naturali. Sin dall’antichità numerosi imperi si sono succeduti intorno al percorso del Nilo, che nasce nel territorio dell’attuale Etiopia e scorre attraverso i paesi della regione fino al delta egiziano. È in questa regione che l’Islam e il Cristianesimo si sono propagati fin dagli albori. Più volte si sono scontrati, ma anche incontrati. E ancora oggi, questo paese riveste per l’Italia e per l’Europa una cruciale importanza strategica.

Una guerra fondata su una duplice radicalizzazione: la Somalia di fronte ad al Shabaab

Sebbene con un andamento altalenante, che ha visto alternarsi fasi di crisi ad altre di rinascita e consolidamento, l’organizzazione jihadista al Shabaab da anni controlla saldamente una porzione importante del territorio somalo e alimenta una guerra sporca, apparentemente senza fine e che rischia di estendersi anche ai paesi vicini. Le ragioni del suo rafforzamento vanno ricercate da un lato all’interno del paese, nelle vicende della guerra civile che ne ha brutalizzato la società, dall’altro negli errori degli attori regionali e internazionali che hanno, di fatto, favorito nel paese la radicalizzazione religiosa e politica.

Stabilizzare il Corno d’Africa per combattere il terrorismo nel continente

Sebbene il Corno d’Africa, per ragioni geografiche oltre che per il ruolo svolto nell’affermazione dell’islamismo jihadista nel continente, possa rappresentare uno snodo cruciale per la stabilizzazione della regione e per la lotta al terrorismo internazionale e all’ISIS, sembra essere scomparso dal dibattito politico internazionale. Occorrerebbe invece pensare e attuare una risposta internazionale che, attraverso sviluppo economico, promozione di scambi commerciali, investimenti economici e consolidamento delle istituzioni pubbliche e della società civile, consenta di superare le situazioni locali di marginalizzazione e di contrastare la capacità dei movimenti radicali di sfruttarle.

Le sfide alla sicurezza nella fascia saheliana: una storia che ci riguarda

Dalla fine del regime di Gheddafi in Libia, nella fascia saheliana si sono sviluppate pericolose connessioni tra gruppi criminali locali e organizzazioni terroristiche, alimentate dalla debolezza dello Stato centrale insieme all’azione spesso inadeguata della comunità internazionale, in primo luogo europea, che hanno portato a un rapido deterioramento della situazione di sicurezza. Quali soluzioni dovrebbe proporre l’Unione europea per sradicare fenomeni di cattiva governance, povertà, corruzione ed emarginazione sociale nei vicini Stati saheliani che hanno un impatto significativo a livello politico, sociale e di sicurezza sui cittadini e sui governi europei?

Migrazioni economiche e ambientali, come risponde l’Europa

Da anni ormai l’Europa è alle prese con la gestione dei flussi migratori e si confronta, nel tentativo di individuare il miglior modo di affrontare la questione, con la distinzione tra chi arriva fuggendo da conflitti, ed è quindi tutelato dal diritto d’asilo, e chi invece si muove perché in cerca di riscatto economico e sociale. Quanti si occupano di immigrazione, tuttavia, denunciano da tempo l’impossibilità di tracciare confini così netti per leggere una realtà che è invece estremamente fluida ed è resa ancor più complessa dall’emergere di una nuova categoria di migranti, tuttora in cerca di una appropriata definizione e di una conseguente tutela internazionale: i profughi climatici, ossia coloro che fuggono per gli effetti economici e sociali di eventi climatici eccezionali per portata ma sempre più frequenti. Quali risposte si prepara a dare l’UE, nella sua azione esterna, a queste vecchie e nuove sfide?

Il destino dei migranti e l’anima dell’Europa

La pressione che folle di disperati in fuga dal Medio Oriente e dall’Africa stanno esercitando sull’Europa, alimentando le paure, anche ingiustificate, delle comunità locali, unisce e rafforza le spinte antieuropeiste e populiste già in campo e rischia, con la riproposizione di misure ispirate alla difesa degli interessi nazionali, di compromettere l’esistenza stessa del progetto europeo. Anche il discorso pubblico delle forze politiche più genuinamente europeiste e progressiste sconta la difficoltà di far comprendere ai cittadini come quella che ci ostiniamo a definire “emergenza umanitaria” sia un dato ormai strutturale delle società del nostro tempo. E a poco serve nascondersi dietro la distinzione formale tra profughi e migranti economici nel tentativo di collocare lungo una gerarchia della disperazione chi fugge in cerca di una vita che sia libera e allo stesso tempo dignitosa.

Immigrazione: fenomeno inevitabile, sfida da vincere

I movimenti migratori sono sempre stati uno dei principali fattori di sviluppo economico e sociale del pianeta. Ma oggi il continuo flusso di immigrati dal Mediterraneo verso l’Italia e l’Europa non solo è inevitabile, ma è anche in buona misura necessario. Nei prossimi anni, infatti, la crisi demografica in atto nel Vecchio continente rischia di compromettere la sostenibilità del sistema sociale e di impoverire la sua capacità di produrre ricchezza per la crescita. Già oggi in Italia senza immigrazione avremmo un crollo dell’economia, con un collasso in alcuni settori dove la presenza straniera è diventata insostituibile. Per ottenere una crescita sostenibile e inclusiva, quindi, serve una combinazione di politiche a favore della natalità, di immigrazione integrabile e di invecchiamento attivo.

Prec.
1