Antropologia dell’homo dignus

Di Stefano Rodotà Giovedì 18 Novembre 2010 16:59 Stampa

«Il diritto costruisce figure sociali» afferma Stefano Rodotà nella lezione tenuta lo scorso 6 ottobre all’Università di Macerata di cui pubblichiamo qui il testo integrale. La figura sociale introdotta dal costituzionalismo del secondo dopoguerra è quella dell’homo dignus, figura che il lavoratore, descritto nell’articolo 36 della nostra Costituzione, incarna in tutta la sua concretezza. «Il lavoratore – afferma l’articolo 36 – ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa». «Ma proprio questa antropologia della modernità giuridica – sottolinea Rodotà – è ora messa in discussione, anzi sfidata e radicalmente negata, da una logica di mercato che, in nome della produttività e degli imperativi della globalizzazione, prosciuga i diritti e ci fa ritornare verso quella “gestione industriale degli uomini” che è stato il tratto angosciante dei totalitarismi del Novecento. Viene spezzato il nesso tra lavoro e dignità, davvero con una rinnovata riduzione delle persone a cose, a “oggetti” compatibili con le esigenze della produzione».
Allo stesso modo le innovazioni scientifiche e tecnologiche portano con sé il pericolo che il corpo della persona diventi oggetto di profitto o che – pur in presenza di chiare garanzie, come, ad esempio, quella prevista dall’articolo 32 sul diritto alla salute: «la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana» – possa essere violato attraverso modificazioni della sua fisicità o alterazioni della sua dimensione elettronica. Anche in questo caso il concetto di dignità della persona funge da argine.
Ma quanto è solido questo argine? Quanto è in grado di resistere, così «indebolito dalla sua stessa polisemia, da intime ambiguità, da indeterminatezza» alle tante sfide che gli si pongono davanti?

Download: Antropologia dell’homo dignus - di Stefano Rodotà

ie Online

di Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni in gioco in Libia la strada per la formazione di…
di Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire positivamente l’influenza e l’utilità della rete. Quali tendenze, applicazioni e…
di Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin Ping e quello di Taiwan Ma Ying-jeou segna una svolta…

le Pubblicazioni


copertina_5_6_2016_small
Agenda
Gioventù bruciata
Focus
Turchia, la deriva
autoritaria di Erdogan

Online articoli di Guerra, Saraceno, Raitano, Croce e Ghignoni, Nocera, Frappi, Talbot.

ie_ipad_kindle2
ipad2_grande_sito
Leggi Italianieuropei anche sul tuo tablet. Scarica dall’Apple Store l’app per iPad o acquista su Amazon un numero in formato ebook per Kindle, pc e altri tablet. | Leggi tutto