acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

Crescita equa e diritti civili nel numero 10/2011

Written by Italianieuropei Wednesday, 23 November 2011 13:48 Print

copertina_8_2011

Dopo una lunga e via via sempre più preoccupante agonia (soprattutto per il paese e per le forze sane che sa ancora esprimere), dopo che persino il “Financial Times”, a chiare lettere, «nel nome di Dio, dell’Italia e dell’Europa», ha intimato a Silvio Berlusconi di dimettersi, pare essere giunta a conclusione la parabola del berlusconismo. È un momento che aspettavamo da tempo, che ha il sapore della fine di un’epoca.

Durante i dieci anni in cui ha governato, Berlusconi ha profondamente, e in peggio, cambiato il paese, ribaltando quanto di positivo fatto dai governi di centrosinistra.

È un momento che aspettavamo e che avremmo voluto festeggiare, come una liberazione. Lo stato in cui Berlusconi lascia il paese è però così drammatico, la situazione talmente grave che c’è davvero poco spazio per lasciarsi andare ai festeggiamenti.

Fuori dal palazzo in cui il nostro premier si è rinchiuso negli scorsi anni c’è uno scenario fatto di macerie. Chiunque verrà dopo di lui si troverà a dover compiere una titanica opera di ricostruzione.

Non sarà un compito facile, ma è un nuovo inizio. Il peggio forse, per fortuna, è passato.


Vai al sommario del numero 10/2011

 

Del numero 10/2011 di Italianieuropei sono online, assieme all'editoriale, gli articoli di Mario Tronti, Elsa Fornero e Flavia Coda Moscarola, Paolo Guerrieri, Stefano Rodotà, Stefano Ciccone, Marilisa D’Amico e Federica Manzon.