acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

In questo numero

Written by Italianieuropei Tuesday, 07 February 2012 13:33 Print
copertina_2_2012

L’EUROPA IN DISCUSSIONE | La crisi globale sta ponendo in serio pericolo il progetto europeo, rimettendone in discussione i successi conseguiti, primo fra tutti la moneta unica, e compromettendo il raggiungimento degli altri ambiziosi traguardi che ci si era prefissati: l’Europa sociale, quella della conoscenza, dello sviluppo sostenibile, del lavoro. Del progetto europeo, soprattutto e purtroppo, si stanno disamorando i cittadini europei che, in un rigurgito di prospettive localistiche a scapito della comune visione europea, si rivolgono sempre più ai propri governi nazionali non per invocare più Europa, ma per esserne difesi. Interrogarsi sul senso profondo della partecipazione al progetto europeo allo scopo di salvarlo e rilanciarlo è quanto mai opportuno.

CORPO E IMMAGINE | Viviamo nella società dell’immagine, in cui il corpo, esposto, alluso, narrato, mitizzato, manipolato, costruito, gioca una parte determinante. Sempre più un corpo conforme ad un modello estetico consolidato ci fa da tramite nella comunicazione con il mondo, facendosi esso stesso strumento di comunicazione, “il primo e il più naturale strumento dell’uomo”. Su di esso si costruisce il proprio personale modo di presentarsi visivamente agli altri in maniera coerente e consona con il proprio essere, o, quando politici, con il proprio percorso morale e politico. Così, a volte, ciò che è finisce per essere anche ciò che appare.

CORRUZIONE: UN PROBLEMA CULTURALE? | A venti anni dall’inchiesta Mani Pulite, a giudicare da ciò che riportano sia fonti nazionali che internazionali, il fenomeno della corruzione in Italia risulta essere ancora estremamente esteso e radicato. Sulle ragioni della sua diffusione e sulla gravità dei suoi effetti economici e sociali è necessario interrogarsi, non solo allo scopo di elaborare ed attuare efficaci politiche di contrasto, ma anche per sviluppare adeguate misure di prevenzione.

Vai al sommario del numero 2/2012

 

ie Online

by Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni…
by Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire…
by Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin…
by Fabio Veronica Forcella Outlet Italia
Nel 2014 l’Italia ha scalato le classifiche internazionali relative alla…