acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

In questo numero

Written by Italianieuropei Monday, 22 December 2008 01:00 Print

La portata globale della vittoria di Obama
Estratto dell'intervista a Massimo D'Alema

È vero che queste elezioni segnano un cambiamento d’epoca. Finisce una fase della storia americana e del mondo, dominata, dal punto di vista politico dall’unilateralismo simboleggiato dalla guerra in Iraq e dalla teoria dello “scontro di civiltà”. E contrassegnata, punto di vista della cultura economica, dal trionfo incontrastato dell’ideologia del mercato, dal mito di una globalizzazione senza regole, senza istituzioni. Insomma, quello che è stato chiamato il pensiero unico, la globalizzazione liberale. La coincidenza tra la crisi finanziaria e la campagna elettorale americana ha messo in evidenza questo tornante. 

Inoltre dobbiamo sottolineare che mai come in questa campagna elettorale i Democratici si sono presentati con un programma chiaro. La tesi secondo cui nella politica americana i due partiti principali in fondo dicono le stesse cose, che non ci sia una grande differenza, si è rivelata sbagliata. Il programma di Obama ha rappresentato una chiara inversione di rotta sui due fronti della politica internazionale e della politica interna. In politica estera, infatti, si vuole ridare prestigio agli Stati Uniti, uscendo dall’unilateralismo e avviando una politica di disimpegno graduale dalla guerra in Iraq e un ripensamento della strategia di lotta al terrorismo. A cominciare dall’impegno per la chiusura di Guantanamo e dal pieno rispetto dei diritti umani. In politica interna, invece, Obama propone un programma che, non a caso, è stato definito polemicamente “socialista”: tasse per i ricchi, riduzione della pressione fiscale sulle classi medie e sulla working class, redistribuzione del reddito.
In definitiva, si tratta di un programma di grande forza, che punta sulla pace, sul multilateralismo e sulla riduzione delle disuguaglianze sociali. Tutto questo, naturalmente, è accompagnato dal fortissimo rilancio del sogno americano e della funzione globale degli Stati Uniti, del soft power americano, che lo stesso Obama impersona: è l’immagine della società aperta. In Italia il figlio di un immigrato keniano starebbe a fare la fila alla prefettura per il rinnovo del permesso di soggiorno. In America, quello stesso figlio è diventato presidente degli Stati Uniti. La differenza è che mentre l’Europa continua a temere l’immigrazione, l’America ha saputo gestirla come una risorsa vitale per accrescere il dinamismo della sua società. [Leggi tutto]

ie Online

by Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni…
by Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire…
by Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin…
by Fabio Veronica Forcella Outlet Italia
Nel 2014 l’Italia ha scalato le classifiche internazionali relative alla…