acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

Le classi sociali nel 2010: una critica alla visione della società immaginata dagli economisti e dai

Written by Carlo D'Ippoliti Thursday, 29 April 2010 15:02 Print
La crisi delle sinistre e quella dell’economia e della scienza economica sono un dato ormai inequivocabile dell’assetto europeo. Questa situazione appare concomitante con la diffusione di una visione dell’individuo come “uomo-isola”, attualmente prevalente nella società e accolta anche dai partiti riformisti. Le categorie relative alla divisione in clas­si, utilizzate in precedenza, sono peraltro ormai inadatte a rispondere alle istanze dei cittadini. Affinché i partiti rifor­misti possano ripristinare il dialogo con i propri elettori e conquistarne di nuovi sembra necessaria l’adozione di stra­tegie di mediazione tra gli interessi, le aspettative, le richie­ste di quell’universo frammentato che oggi costituisce la nostra società.