acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol

Solidarietà

Written by Francesco Occhetta Monday, 22 December 2008 20:03 Print

Il contesto individualistico nel quale viviamo, che spesso si riduce a vivere le logiche della cultura del “Grande Fratello”, in cui si deve eliminare l’altro, vincere il premio e diventare famosi, rischia di ridurre la solidarietà a un volontarismo altruistico e sentimentale o a una confusa ideologia utopistico-distributiva.

 Quando l’11 settembre 1946, nella prima sottocommissione dell’Assemblea costituente, Lelio Basso e Giorgio La Pira redassero quello che sarebbe diventato l’articolo 3 della nostra Costituzione in cui la persona umana è posta al centro del nostro ordinamento, Basso spiegò la disposizione centrando la sua argomentazione sul principio di solidarietà nei termini seguenti: «Parlando di solidarietà sociale non si dice una ingenuità, (…). Il dovere della Costituzione è quello di mirare ad un massimo sforzo. (…) in senso anti-individualistico. (…) Se si toglie questo, si rompe l’equilibrio che deve esserci tra l’esercizio degli antichi diritti della persona e l’esercizio di questi diritti in senso sociale, accompagnati cioè dallo sforzo di creare una solidarietà sociale».
Alla luce del pensiero dei padri costituenti, il principio di solidarietà voleva restituire all’uomo umiliato dalla guerra la sua dignità di persona umana. Il suo fondamento ha una valenza etica e antropologica molto profonda ed è strettamente legato ai valori dell’uguaglianza, dell’efficienza, della gratuità e della libertà.
La nostra democrazia si fonda infatti sulla dimensione comunitaria della persona e la reciproca responsabilità tra i membri del gruppo. Quando il 2 ottobre 1946 La Pira definì il concetto di libertà davanti ai padri costituenti, lo spiegò proprio riconnettendolo alla solidarietà e ricordò che un uomo è veramente libero se «ogni libertà è fondata sulla responsabilità » verso l’altro. La solidarietà, dunque, non è altro che l’assunzione personale di responsabilità nei confronti della dignità di ogni uomo.
La Chiesa definisce il principio senza ambiguità: «La solidarietà (...) non è un sentimento di vaga compassione o di superficiale intenerimento per i mali di tante persone, vicine o lontane. Al contrario, è la determinazione ferma e perseverante di impegnarsi per il bene comune: ossia per il bene di tutti e di ciascuno perché tutti siamo veramente responsabili di tutti».1 Alla fine, l’assunzione personale del principio rimanda a una domanda etica: chi è l’altro per me? Infatti: «Il fondamento della solidarietà è la coscienza e ciò che stimola la sua nascita è il grido dell’uomo maltrattato da un altro uomo».2 Ma c’è di più. A livello politico il principio dovrebbe costituire criterio di discernimento per ogni scelta. Il fine a cui deve tendere ogni cultura politica è quello di sapere che ogni persona dipende da un’altra, non basta a se stessa e deve all’altro il riconoscimento della sua dignità che è quella legittima pretesa di essere considerato uguale a lui.
Per questo motivo la solidarietà inscritta nella nostra Carta costituzionale, secondo Emanuele Rossi, «Non può ritenersi dipendente dalla volontà di coloro che la soddisfano, ma va concepita come un diritto dei destinatari di essa»,3 da intendersi nel significato del preambolo della Carta europea dei diritti fondamentali, in cui si afferma che il godimento dei diritti riconosciuti nella Carta «fa sorgere responsabilità e doveri nei confronti degli altri, come pure della comunità umana e delle generazioni future».4
Politiche assistenziali e paternalistiche rappresentano la negazione del principio di solidarietà. L’uso, purtroppo improprio, che la politica fa del termine solidarietà ne svilisce il senso, a tal punto che la creazione del ministero della Solidarietà sociale rischia di affidare l’applicazione del principio solamente a una parte dell’azione del governo. Al contrario, è proprio la solidarietà assunta come virtù che giustifica come democratica e umana l’azione di governo,
i diritti, le libertà personali, la fiducia delle operazioni finanziarie, la responsabilità individuale, e allo stesso tempo richiama, con forza di dovere morale, la protezione dei più deboli attraverso criteri distributivi orientati al bisogno.
Nella nostra Carta costituzionale il principio di solidarietà (articolo 2) chiede ai cittadini di vivere il valore della fratellanza e della responsabilità politica ed economica, da cui discendono alcuni doveri: quello di costruire insieme un paese democratico attraverso il proprio lavoro (articolo 4), quello di voto (articolo 48), la difesa della patria (articolo 52), la fedeltà alla Repubblica (articolo 54). Anche il principio della progressività del sistema contributivo nasce da qui: più le persone fisiche sono ricche, maggiori aliquote fiscali devono versare allo Stato, perché le ripartisca tra coloro che non hanno avuto le stesse opportunità.
Questa sensibilità chiede lo sforzo di tutti per alimentare una cultura politica che si ispiri alla regola d’oro: “fa’ agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te”.

 



[1] Giovanni Paolo II, Sollicitudo rei socialis, 1987, n. 38.
[2] J. Tischner, Etica de la solidaridad, Encuentro, Madrid 1983, p. 19.
[3] E. Rossi, Articolo 2, in AA.VV., Commentario alla Costituzione, Utet, Torino 2006, p. 58.
[4] Ivi.

ie Online

by Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni…
by Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire…
by Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin…
by Fabio Veronica Forcella Outlet Italia
Nel 2014 l’Italia ha scalato le classifiche internazionali relative alla…