acomplia buying online lengthening ejaculationJelqing rule clonidine buying online no rx wheelchair Family depressant buy buspar allure Conquer oftenThe cheerful order prevacid youOnce Nature eventual stand buy lisinopril outlined muscle persistent Inositol
Displaying items by tag: partiti

La fine della funzione costituente dei partiti

A settanta anni di distanza, l’esperienza dell’Assemblea costituente conserva grande fascino. Appare un esempio cui continuare a ispirarsi. Sorprende, in particolare, la capacità che ebbero allora i partiti di accantonare calcoli angusti e interessi limitati, superando fortissime contrapposizioni ideologiche per realizzare un “compromesso costituzionale” di grande respiro. Ne è scaturita una Costituzione che ha mantenuto nel tempo notevole vitalità, sopravvivendo alla scomparsa delle forze che lo hanno generato. Ma la memoria della fase costituente pone oggi un problema scomodo. L’accordo tra i partiti che ha portato alla Costituzione ha rappresentato l’espressione più alta di una democrazia consensuale che in Italia è stata abbandonata dall’inizio degli anni Novanta. È subentrato un bipolarismo aspramente conflittuale e poco compatibile con la funzione costituente dei partiti. Con questo problema è necessario misurarsi, se si vogliono ricordare la Costituente e la Costituzione in modo non meramente celebrativo o retorico.

I partiti possono davvero fare a meno del finanziamento pubblico?

I partiti politici sono sempre meno i principali vettori della partecipazione dei cittadini alla vita politica del paese. Eppure essi hanno dato un contributo essenziale allo sviluppo democratico dell’Italia repubblicana. L’eliminazione del finanziamento pubblico, nonostante il consenso con cui è stato accolto, rischia però di indebolire ulteriormente tale partecipazione.

Il partito che sceglie da che parte stare

La crisi ha fatto riemergere in Italia una drammatica questione so­ciale. Nuove linee di frattura tagliano trasversalmente la società, sepa­rando inclusi ed esclusi di un modello di sviluppo sempre più oligar­chico e parassitario. Di fronte a questa scelta di campo, come si colloca il Partito Democratico? In quale parte decide di giocare la sua partita? La forza del PD sta oggi nell’aver rigettato l’idea che si possa parlare alla società come a un tutto indistinto per scegliere invece con chia­rezza di stare dalla parte giusta della linea, dalla parte degli esclusi.

I partiti tra personalizzazione della politica e disintermediazione dei rapporti sociali

Personalizzazione della politica e disintermediazione dei rapporti sociali hanno entrambi contribuito, negli scorsi due decenni, a trasformare il sistema delle relazioni tra istituzioni, corpi intermedi e individui. Quali conseguenze possono avere, allora, le trasformazioni in atto riguardo al ruolo di quel particolare tipo di corpi intermedi, specifico della democrazia moderna, che sono i partiti politici? Come si può, alla luce dei cambiamenti che caratterizzano la partecipazione, non far venir meno l’esigenza di integrare idee e interessi entro un quadro di compatibilità con il sistema democratico?

Chi sceglierà il presidente della Commissione?

L’obiettivo della politicizzazione della candidatura alla presidenza della Commissione europea è forse stato mancato per la legislatura che sta per cominciare, a causa di risultati elettorali che non permettono di individuare un vincitore netto. Tuttavia non è ancora persa l’occasione per una sua parlamentarizzazione: spetterà agli europartiti cercare di giocare un ruolo determinante, facendosi interpreti della scelta fatta dagli elettori europei.

Finanziamento dei partiti e partecipazione politica

La necessità di assicurare il finanziamento pubblico ai partiti è stata determinata, nelle democrazie europee, soprattutto da ragioni storiche, ed è stata spesso accompagnata dall’imposizione di un sistema giuridico differente da quello delle altre associazioni politiche. Il caso italiano è, da questo punto di vista, un’anomalia in quanto, mancando indicazioni specifiche nella Costituzione sull’obbligo da parte dello Stato di sostenere finanziariamente i partiti ed essendo prevalsa l’incapacità di trovare una sintesi tra dimensione istituzionale e dimensione associativa dei partiti, è stato possibile sostenere legittimamente tanto l’obbligo quanto il divieto per lo Stato di contribuire direttamente alle spese dei partiti. In ogni caso, gli effetti che il prevalere del finanziamento statale o di quello privato hanno sul partito devono essere tenuti in considerazione.

Regole e finanziamento dei partiti: un'occasione persa?

La recente conversione in legge del decreto 149 sul finanziamento pubblico ai partiti pone l’Italia in una condizione di anomalia rispetto alle altre democrazie europee, nelle quali l’intervento dello Stato nella vita dei partiti è previsto sia dal punto di vista della regolazione che da quello del finanziamento, attraverso contributi diretti, indiretti e privati. Questa anomalia presenta anche tratti paradossali, perché afferma, e nello stesso tempo di fatto nega, il ruolo dei partiti come “produttori” di beni pubblici. Che si tratti di un’ammissione di irriformabilità della nostra politica o di una strategia di deresponsabilizzazione, è un’incoerenza, questa, che lascia comunque molto perplessi.

Da iscritti a contribuenti, ovvero l'ideologia e la pratica dell'antipartito

La politica dell’antipartito è diventata nel corso degli ultimi due decenni l’ideologia e la pratica dei partiti e dei movimenti vincenti, il passaporto per entrare di prepotenza nell’opinione mediatica e conquistare il gradimento elettorale. È questa la cornice che occorre tener presente quando si voglia cercare di capire la resistenza radicata nel Parlamento e fuori contro il finanziamento pubblico dei partiti, poiché la forma partito e la sua sussistenza economica sono intimamente connesse. È quindi dall’identità del partito (e dagli effetti della forma antipartito sul partito) che si deve procedere per inquadrare la questione del finanziamento dei partiti.

L'afasia dei partiti europeisti e l'orizzonte strategico che ancora non c'è

La debolezza del ruolo dei partiti nel processo di decision-making europeo affonda le sue radici negli anni Cinquanta, nella matrice originaria del progetto comunitario, quando ogni ipotesi di integra­zione politica era da considerarsi assolutamente impraticabile. Oggi potremmo essere alla vigilia di un’inversione di tendenza, a patto che i partiti nazionali sappiano ribaltare la prospettiva, funzionale alle dinamiche di politica interna, che ha determinato finora la scelta dei candidati al Parlamento europeo e siano in grado di elaborare una strategia di interessi comuni capace di riassorbire la frattura tra Nord e Sud dell’Europa.

La funzione pubblica dei partiti politici e le modalità del loro finanziamento

Il legame che intercorre tra politica e finanziamento pubblico è frutto dell’evoluzione storica dei sistemi politici dei singoli paesi e della
funzione che essi attribuiscono ai partiti. Si distinguono, a questo proposito, diversi modelli: da quelli a bassa interazione, come il modello statunitense, in cui la funzione del partito diventa rilevante principalmente in vista del momento elettorale, a quelli ad elevata
interazione, come il modello tedesco, in cui alla funzione di organizzazione e sostegno alla politica svolta dai partiti viene riconosciuto un valore in sé, meritevole quindi di sostegno anche economico. Quale funzione attribuire ai partiti nell’Italia di oggi? E, di conseguenza, quale sistema di finanziamento preferire?

Prev
1

Acquista la rivista

Abbonati alla rivista

Su iPad e Kindle