Displaying items by tag: medio oriente

Libia, tra desideri e rischi per l’Italia

Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni in gioco in Libia la strada per la formazione di un governo unitario e sovrano è ancora in salita. In questo quadro, nonostante le rassicurazione e le cautele, l’eventualità di un coinvolgimento militare italiano non si può escludere totalmente.

Teheran e Riyad tra competizione regionale e conflitto ideologico

La rivalità tra Arabia Saudita e Iran ha radici profonde e si alimenta di ragioni di ordine tanto storico-identitario quanto religioso-ideologico e geopolitico. Sebbene si siano registrate, nella seconda metà del secolo scorso, alcune fasi di riavvicinamento, i due paesi continuano ancora oggi a essere antagonisti e a contrapporsi nei principali scenari di tensione dell’area mediorientale, dall’Iraq del dopo Saddam al Libano, dal conflitto israelo-palestinese alla crisi iraniana.

Iran e Arabia Saudita, confronto geopolitico e situazione mediorientale

Nel quadro della complicata situazione in cui versano i paesi della sponda sud del Mediterraneo e il Medio Oriente, un elemento di rilievo è dato dal cambiamento della composizione e del ruolo degli attori regionali. Alcuni di essi, tradizionalmente importanti, sono ora fuori gioco, mentre altri, in primo luogo Arabia Saudita e Iran, stanno accrescendo il loro peso e trasformando le crisi e i conflitti armati mediorientali in tasselli di uno scontro per la supremazia nell’area. Eliminando la tensione fra l’Arabia Saudita e l’Iran si rimuoverebbe una buona parte delle cause dei conflitti regionali, facilitando il processo di pacificazione in Siria e in Yemen e la costruzione di un Iraq realmente democratico.

Sciiti e sunniti: polarizzazione o riconciliazione?

A lungo sunnismo e sciismo hanno convissuto, per lo più mescolati in interazione relativamente pacifica. Le recenti vicende sopravvenute a seguito delle svolte politico-strategiche dell’Occidente e la mancanza di un polo aggregante quale era stato negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso l’Egitto di Nasser hanno radicalizzato la contrapposizione tra le due confessioni. Dalla “grande discordia”, che da sempre ha opposto sciiti e sunniti, con l’irruzione dell’ISIS sulla scena storicopolitica, si potrà assistere a una convergenza di interessi delle due tradizionali componenti religiose dell’Islam?

Il “ritorno” dell’Iran, Riyad non si arrende

Nel quadro di una competizione tra le potenze del Golfo Persico che è in primo luogo geopolitica, l’interesse strategico dell’Arabia Saudita è sempre stato quello di assicurare che all’ingombrante vicino iraniano non venisse lasciato un margine di azione troppo ampio. La percezione saudita della minaccia iraniana è drammaticamente aumentata in seguito all’intervento statunitense in Iraq del 2003, alle primavere arabe del 2011 e, infine, alla firma dell’accordo nucleare tra Iran e P5+1 nel luglio 2015, a cui Riyad ha reagito con una serie di azioni e interventi che testimoniano quanto la ricomposizione della “guerra fredda” tra i due paesi sia ancora lontana. Tutto ciò proprio nel momento in cui sarebbe invece auspicabile il raggiungimento di una sorta di modus vivendi tra le due potenze del Golfo Persico che contribuisca a placare le tensioni in un Medio Oriente ormai in fiamme.

Svolta istituzionale E sociale, una sfida per l’Arabia Saudita

Oltre a una ostilità etnico-culturale e confessionale, c’è anche la gestione del processo generazionale a marcare la frattura tra Iran e Arabia Saudita. Ma la descrizione di una guerra tra sunniti e sciiti non rispecchia la realtà, perché il conflitto è tutto interno al mondo sunnita. Finora l’Arabia Saudita non è stata in grado di comprendere le proprie dinamiche interne e fronteggia la crisi del suo sistema non con improrogabili riforme istituzionali e sociali, ma alimentando una contrapposizione ideologica con Teheran.

Porre fine al “grande gioco” per risolvere la guerra del Levante

L’universalizzazione dell’ostracismo contro l’Iran e la crescita dell’influenza regionale sia di Teheran che di Riyad hanno esacerbato in questi anni la rivalità originaria tra Arabia Saudita e Repubblica Islamica: un conflitto innanzitutto ideologico, e poi strategico ed economico. Ma non si può pensare ad alcuna stabilità nella regione escludendo l’Iran e le sue legittime ambizioni di sicurezza.

Diseguaglianza

Sulla diseguaglianza (economica) le opinioni divergono, anzi si contrappongono violentemente. Per alcuni essa è un male da combattere con severità, per altri è poco meno che il prezzo da pagare al progresso del benessere. È così da sempre e anche rispetto alla diseguaglianza di questi nostri decenni l’opposizione è radicale. A chi invoca interventi per ridurla, forse fino a eliminarla, si oppone chi considera questi interventi veri attentati al funzionamento del sistema economico e al motore del progresso che nasconde in sé.

Netanyahu, i sauditi e il ritorno dell’Iran

L’accordo di Vienna sul dossier nucleare iraniano avrà ripercussioni inevitabili sugli equilibri mediorientali. L’Iran si candida infatti a diventare un protagonista della scena regionale e internazionale, costringendo gli Stati vicini – soprattutto Israele e Arabia Saudita, ma non solo – ad adattarsi ai nuovi equilibri.

Nucleare iraniano: negoziato logorante per un accordo storico

Dopo un lunghissimo e logorante negoziato, i P5+1 e l’Iran hanno concluso un accordo che, se accettato dal Congresso statunitense e dal Parlamento di Teheran, porrà fine all’annosa controversia sul nucleare iraniano. Ma soprattutto l’accordo di Vienna, accolto con entusiasmo dal popolo iraniano, potrebbe permettere a Teheran di uscire da un isolamento politico ed economico durato quasi quaranta anni.

Prev
1

ie Online

by Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni in gioco in Libia la strada per la formazione di…
by Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire positivamente l’influenza e l’utilità della rete. Quali tendenze, applicazioni e…
by Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin Ping e quello di Taiwan Ma Ying-jeou segna una svolta…

le Pubblicazioni


copertina_2_2017_small
Agenda
Stato imprenditore,
stratega del rilancio

Focus
Emergenza povertà,
azioni di sostegno al reddito

Online articoli di Biasco, Mucchetti, Epifani, Ciarini, Pennacchi, Granaglia, Franzini.

ie_ipad_kindle2
ipad2_grande_sito
Leggi Italianieuropei anche sul tuo tablet. Scarica dall’Apple Store l’app per iPad o acquista su Amazon un numero in formato ebook per Kindle, pc e altri tablet. | Leggi tutto