Si allungano i tempi per un accordo sul dossier nucleare iraniano

Written by Claudia Castiglioni Wednesday, 03 December 2014 15:40 Print
Si allungano i tempi per un accordo sul dossier nucleare iraniano Foto: European Union

Alla fine di novembre i P5+1 e l’Iran, bloccati in una impasse, hanno deciso di prorogare fino al prossimo marzo i tempi per giungere a un accordo, del quale tanto Washington quanto l’Iran hanno bisogno, gli uni per intervenire sugli equilibri regionali, gli altri per accelerare la revoca delle sanzioni.


I colloqui di Vienna tra i P5+1 (Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia e Germania) e l’Iran sul dossier nucleare di Teheran, gli ultimi primi della scadenza del 24 novembre, si sono chiusi con un nuovo nulla di fatto. A un anno dalla firma del Joint Plan of Action, successivamente prorogato al 19 luglio, il governo di Teheran e i suoi interlocutori internazionali sembrano incapaci di sfuggire alla trappola che da mesi continua a frustrare ogni tentativo di risoluzione della disputa nucleare iraniana: nonostante la capacità di ambo le parti di assumere e rispettare impegni limitati e volontari, persiste la difficoltà di trasformare questi impegni in un piano d’azione vincolante di lungo periodo.

Nonostante questo ennesimo passo falso, né Teheran né i P5+1 sono però pronti a rinunciare alla prospettiva di una soluzione di ampio respiro, che consentirebbe all’Iran di vedere ridotta la pressione delle sanzioni internazionali e all’Amministrazione Obama di portare a casa un prezioso successo diplomatico all’indomani della vittoria repubblicana nelle elezioni di mid-term. Da ciò dunque la scelta di una nuova proroga, simile a quella concordata in luglio: le parti hanno fino al 1° marzo prossimo per convergere su un accordo generale, a cui si aggiungono altri quattro mesi per definire gli ultimi dettagli tecnici.

Le questioni sul tavolo non sono cambiate rispetto al novembre scorso: l’obiettivo dei negoziatori internazionali è sempre quello di assicurare che all’Iran occorra non meno di un anno per costruire una bomba, obiettivo raggiungibile attraverso una limitazione delle attività di arricchimento alla soglia del 5%.

Anche gli incentivi sono pressoché invariati. L’Iran del presidente Rohani ha bisogno ora più che mai di una progressiva revoca delle sanzioni che, riducendo l’accesso ai circuiti finanziari e bancari internazionali, negli ultimi anni hanno colpito duramente l’economia del paese; situazione che è stata ulteriormente peggiorata dal recente calo dei prezzi del petrolio a meno di 80 dollari al barile. Dal canto suo Washington e gli altri membri del gruppo dei P5+1 sperano ancora di poter raggiungere un’intesa che giustifichi mesi di sforzi negoziali e di gesti di apertura nei confronti dell’Iran.

Ciò che però è cambiato rispetto all’autunno scorso è il contesto politico sia a Washington che a Teheran. Mentre si avvicinava la data del 24 novembre, negli Stati Uniti i repubblicani riconquistavano la maggioranza nel Congresso americano, e in Iran crescevano gli attacchi del fronte ultraconservatore nei confronti del presidente e della sua squadra. Il deteriorarsi della posizione dei due principali protagonisti della partita, Obama e Rohani, aveva rafforzato nelle ultime settimane l’idea che il verdetto definitivo sulle trattative fosse vicino. Così alla fine non è stato, ma l’estensione decisa a Vienna non cambia il fatto che il tempo rimasto ai due presidenti per raggiungere un accordo accettabile dai propri avversari politici è ormai assai limitato, soprattutto alla luce delle profonde divergenze che permangono tra le parti.

Iran e P5+1 continuano a mostrarsi in disaccordo riguardo al numero di centrifughe per l’arricchimento dell’uranio di cui l’Iran potrebbe disporre all’indomani dell’intesa, alla durata di un potenziale accordo e alle modalità di revoca delle sanzioni internazionali.

Molti passi sono già stati compiuti dai negoziatori, a partire dall’abbandono da parte americana della tradizionale opposizione a qualsiasi attività di arricchimento e dalla decisione iraniana di congelare il proprio programma nucleare per tutta la durata dei negoziati. Rimane da capire se Washington e gli altri P5+1 da una parte e Teheran dall’altra sapranno superare questi ultimi nodi critici e sfruttare al massimo i potenziali (e cospicui) benefici di un accordo per promuovere, in patria e al tavolo dei negoziati, una soluzione in primo luogo politica che dia prova della volontà di andare oltre il carattere contingente e temporaneo delle misure intraprese finora per gettare le basi di un dialogo che vada oltre il dossier nucleare. Un dialogo di cui l’Iran e il Medio Oriente di oggi hanno sempre più bisogno.

 


Foto: European Union

ie Online

by Fabio Atzeni e Sally Stoppa Libia, tra desideri e rischi per l’Italia
Malgrado gli sforzi per riconciliare le tante anime delle fazioni in gioco in Libia la strada per la formazione di…
by Giovanni Bastianelli Le sfide del digitale in ambito turistico
Quello turistico è stato tra i primi settori a recepire positivamente l’influenza e l’utilità della rete. Quali tendenze, applicazioni e…
by Romeo Orlandi Cina e Taiwan a Singapore. L’unità nella diaspora
La stretta di mano tra il presidente cinese Xi Jin Ping e quello di Taiwan Ma Ying-jeou segna una svolta…

le Pubblicazioni


copertina_4_2016_small
Agenda
Nero d’Europa
Focus
Sviluppo sostenibile,
città maestra


Online articoli di Musella, Tarchi, Zanchini, Andreatta, Decaro, Trigilia, Lepore, Tomassi.

ie_ipad_kindle2
ipad2_grande_sito
Leggi Italianieuropei anche sul tuo tablet. Scarica dall’Apple Store l’app per iPad o acquista su Amazon un numero in formato ebook per Kindle, pc e altri tablet. | Leggi tutto